Cancella l’angoscia dei tubi che perdono e dimentica per sempre guarnizioni corrose, anche se ti eri rassegnato ad aspettare settimane per risolvere un semplice problema

Ci sono dei semplici problemi che diventano enormi se non li si risolve subito.

Prova ad immaginare : senti un rumore fastidioso e continuo, ti alzi, vai in bagno, controlli ovunque e alla fine lo vedi, il rubinetto che perde.

La reazione di chiunque sarebbe correre a chiamare un idraulico, ma il problema è che le ultime 3 volte che l’hai fatto, sperando che arrivasse e sistemasse la faccenda ti sei ritrovato a sprecare 3 ore di permesso dal lavoro, per vederlo alla fine arrivare alle 8 di sera.

Ma non solo, quando poi finalmente è apparso alla tua porta, ha pronunciato le parole più terribili mai dette da un idraulico:

“vado a prendere un pezzo e torno subito”

E da lì basta. E’ sparito, nel nulla più completo, per riapparire 2 giorni dopo (altre ore di permesso, altra attesa infinita e tutto questo per un semplice tubo rotto!!!)

A quel punto si presenta al cervello l’alternativa subdola che tutti conoscono:

“Ci penso io, un po’ di fai-da-te non ha mai fatto male a nessuno.”

Se anche a te è venuto in mente almeno una volta nella vita di fare da solo, guardare un paio di tutorial e smazzartela tu, ecco ci sono delle cose che devi ASSOLUTAMENTE sapere.

Gli idraulici che ti sono venuti a casa possono averti detto le esagerazioni più disparate per spillarti dei soldi, ma quando un rubinetto perde MOLTO probabilmente:

la guarnizìone si è corrosa e quindi va sostituita.

Per un rubinetto di tipo comune, ci sono varie fasi che bisogna seguire una ad una.

Per prima cosa si svita la ghiera posta al centro della manopola.

Questa operazione è abbastanza semplice, ma può rivelarsi un po’ più delicata se non si ha la manualità necessaria.

Per levare la ghiera tendenzialmente bisogna usare una chiave apposita, ma ci sono però anche ghiere inserite a pressione che si possono rimuovere sollevandole con un cacciavite.

Sotto a questa c’è una vite che fissa la manopola del rubinetto che ha sul fondo un foro dove è inserito il rubinetto.

Tolta la vite è possibile togliere anche la manopola, mettendo a nudo l’asse centrale del lavandino.

Per questa operazione bisogna usare un martelletto, avvolto da un asciugamano, con il quale si danno dei colpi alla manopola dal basso verso l’alto (o dall’interno verso l’esterno, se il rubinetto è fissato nel muro), per facilitarne il distacco.

Arrivato qua sei solo a metà dell’opera, perché mi fermo quindi?

Perché spero tu possa capire il punto, non è questione di poterlo fare da solo.

Puoi farlo, non stiamo parlando di un missile nucleare, ma di un normale rubinetto.

Non è così difficile fare questo tipo lavoro, il punto è quanto tempo devi sprecarci dietro non essendo tu un esperto.

Ho conosciuto più uomini rimasti senza acqua per settimane che altro negli ultimi mesi, ma non li posso biasimare.

È normale in base alle esperienze essere terrorizzati da una categoria lavorativa piuttosto che l’altra.

Mia moglie ad esempio è stata la donna più felice del mondo dell’arrivo dello shopping online, perché i commessi lei non li tollera da quando l’hanno convinta a comprare un vestito che non le stava affatto bene (e sto usando un eufemismo perché temo legga questo blog prima o poi) e l’hanno persuasa così tanto da essersene resa conto solo DOPO le foto del battesimo a cui eravamo andati qui a Cornaredo.

Il principio è lo stesso, quando hai un’esperienza negativa non vuoi assolutamente più viverla e cerchi di fare qualsiasi cosa per evitare di ritrovarti nello stesso incubo.

Nel tuo caso quindi:

  • Consulti 15 differenti blog di idraulica per capire cosa fare
  •  Sprechi un’infinità quantità di tempo per cercare di capire come svolgere una semplice operazione, prima di renderti conto rileggendo uno dei blog di aver sbagliato tutto
  • Rimani a 4 giorni senza acqua

Alla fine lo sappiamo entrambi cosa farai.

Chiamerai di nuovo un idraulico a caso trovato digitando: “Idraulico Milano economico” e ti ritroverai nel solito incubo di ore ed ore sprecate nell’attesa di un idraulico che non si presenterà e ti lascerà lì a fissare il muro disperato.

Non ti ho detto tutto questo, per farti pensare di essere in una spirale circolare destinata a non finire mai.

Te lo scrivo, perché nessuno si focalizza mai sulla vera questione, che non è: “mi serve un idraulico, aspetta che ne cerco uno online.”

La verità è che devi avere il tuo idraulico, del quale ti fidi, che sai che non cercherà di fregarti in tutti i modi possibili e immaginabili, che si presenta all’orario concordato e non sparisce ad inseguire un lavoro più grosso.

Come vai sempre dallo stesso parrucchiere, dallo stesso panettiere etc, ecco allo stesso modo devi assolutamente essere sicuro di alzare la cornetta con la tranquillità che stai DAVVERO risolvendo il problema.

Se vuoi essere sicuro di non dover fare 497 telefonate prima di ricevere una risposta

Se vuoi essere certo di non sprecare ore di permesso ad attendere qualcuno che non si presenterà

Se non vuoi essere lasciato lì con un secchio sotto il rubinetto, perché il tuo idraulico se n’è andato a inseguire un cliente più grosso

Rispondo subito o ti richiamo entro 47 minuti

P.s. non si sai mai quando il tuo bagno si prepara ad rompersi, può essere da un momento all’altro, non aspettare quel momento per metterti alla ricerca, salva ora il numero del tuo amico idraulico e sii pronto per ogni evenienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *